Come fai a sapere di essere asessuale se non hai mai fatto sesso?

How Do You Know Youre Asexual If Youve Never Had Sex

di Tyler Ford

Mi chiamo Tyler Ford e sono uno scrittore e un sostenitore queer e transgender. Da quando sono uscito come trans alla televisione nazionale su The Glee Project tre anni fa, ho ricevuto tonnellate di domande e richieste di consigli sull'essere identificato come LGBTQA (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer, interroganti, asessuali), e sulla vita in generale. Ho ritagliato uno spazio qui per condividere la mia esperienza di vita con te e per discutere di eventuali paure, sentimenti e curiosità di cui potresti non sentirti a tuo agio a parlare con nessun altro.





Allora cominciamo con le domande!

Puoi davvero sapere se sei asessuale se non sei mai stato in una situazione sessuale? Tipo, la gente dice: 'Non odiare finché non lo provi'?



Sì, puoi sicuramente conoscere il tuo orientamento sessuale senza mai essere stato in una situazione sessuale. Questo perché l'orientamento sessuale si basa sull'attrazione, non sul comportamento. Quando chiedi a una persona eterosessuale se ha dovuto fare sesso con qualcuno del suo stesso sesso prima di sapere che in realtà non era gay, molto spesso, la sua risposta sarà no. Proprio come le persone bisessuali non diventano improvvisamente etero quando si impegnano in relazioni eterosessuali monogame (perché provano ancora attrazione per più di un genere indipendentemente da chi sono attualmente in coppia), le persone asessuali non iniziano improvvisamente a provare attrazione sessuale dopo aver fatto sesso.

È possibile fare sesso senza essere attratti sessualmente da qualcuno - persone di tutte le sessualità lo fanno - ma è anche comune per le persone asessuali non impegnarsi affatto in attività sessuali. Molte persone asessuali non fanno mai sesso e rimangono sicure al 100% del loro orientamento sessuale.

kendrick lamar e j cole black friday
https://www.youtube.com/watch?v=CMqKHkQvKsQ

Se hai scoperto che non provi attrazione sessuale, la provi molto di rado o con poca intensità o la provi solo in una serie specifica di circostanze, potresti benissimo essere nello spettro asessuale e puoi usare quell'etichetta per te stesso se ti fa sentire a tuo agio. Se sai che non vuoi fare sesso o se non senti il ​​bisogno o il desiderio di cercarlo, questo è valido, normale e OK.



Non devi mai dimostrare la tua sessualità a nessuno - e non devi mai provare qualcosa con cui non ti senti a tuo agio, o semplicemente non vuoi fare, per il bene delle altre persone o per il bene di un'espressione come don' Non bussare finché non lo provi. L'eterosessualità a volte può sembrare pervasiva e l'argomento del sesso spesso sembra inevitabile, ma non è necessario sacrificare te stesso o il tuo comfort per conformarti alle norme della società. La tua sessualità non è affare di nessuno, ma solo tuo.

La mia domanda va a coloro che rientrano nell'ombrello non binario. Mi chiedevo se ci sono modi in cui puoi cambiare dall'essere 'figlia/principessa' a qualcosa di neutro come faresti con i pronomi. Potete per favore aiutare?

Sicuro! Ecco un elenco di alcune alternative neutre rispetto al genere per le parole di genere:

Figlio/figlia/figliastro/figliastra/nipote/nipote: Figlio/figlio, nipote/nipote, figliastro

Mamma/papà/nonna/nonno: Genitore, Nonno

Sorella fratello: Fratello

Principe/Principessa/Re/Regina: Princen, Prinxe, Royalty

Ragazza ragazzo: Partner, appuntamento, fidanzata, fidanzata, fidanzata, ragazza, cuore, persona, altro significativo

Marito moglie: Coniuge / Compagno

Signor/Signora/Signora/Signorina: Mx., Per. (abbreviazione di persona)

Ragazza/Ragazzo/Uomo/Donna: Persona, Umano

Ragazzi/Ragazzi/Ragazze/Signore: Voi tutti, gente, gente, ospiti

Signore e signori: Ospiti illustri, ospiti illustri

Ci sono alcune parole (nipote/nipote) per le quali le persone non binarie escogitano le proprie alternative (ho sentito parlare del termine rosicchiare per il primo esempio).

Come rendere la tua lingua più inclusiva:

Pensa a quello che stai dicendo e alle implicazioni delle tue parole prima di dirle. Parla consapevolmente invece di parlare per abitudine. I pronomi e il genere non possono essere assunti in base all'apparenza. Se non conosci i pronomi di qualcuno, chiediglielo. Se non puoi chiedere loro (forse è un estraneo con cui non parlerai mai), scegli di usare il neutro: loro/loro/loro. Chiedere a qualcuno quali pronomi usa è una domanda semplice e diretta: quali sono i tuoi pronomi? Questa è una domanda incredibilmente importante da porre alle persone in modo da sapere come fare riferimento a loro.

Un piccolo cambiamento nel discorso, come dire, Ehi voi tutti, o Ehi gente invece di Ehi ragazzi o Ehi donne, rende il tuo linguaggio molto più inclusivo e fa un'enorme differenza per le persone trans e non binarie.

Una volta che inizi a cambiare la tua lingua, potresti iniziare a chiederti perché sia ​​necessario il genere degli estranei (non lo è). L'uso di titoli e onorificenze (Mr./Ms./Sir/Ma’am) con estranei per mostrare rispetto comporta il rischio di misgendering e, quindi, di mancargli di rispetto. Se desideri utilizzare termini o titoli di genere con qualcuno, un semplice Ti trovi bene con questo termine? è una domanda premurosa da porre.

https://www.youtube.com/watch?v=fiWDqAsDdJ8

È lo stesso tipo di domanda che faresti a qualcuno prima di usare un soprannome per loro. Non puoi presumere che ogni Rebecca si sentirà a suo agio nel chiamarsi Becky, Becca o Bex. Allo stesso modo, non puoi presumere il livello di comfort di qualcun altro con termini, titoli e/o pronomi di genere. Usare un linguaggio inclusivo è un modo semplice per mostrare rispetto ed essere un alleato per le persone trans e non binarie.

Grazie per avermi affidato le tue domande! Se hai domande o hai bisogno di consigli, inviami le tue preoccupazioni tramite Twitter e Instagram @tywrent. Tagga le tue domande con #heytyler! Per domande e dubbi più lunghi o privati, puoi inviarmi un messaggio a facebook.com/heytylerford . Le tue domande verranno pubblicate in forma anonima.